Normativa

Ambiente, ecologia e rifiuti

DPCM 17 dicembre 2014: modello MUD 2015 (non più in vigore)

Approvato dal Consiglio dei Ministri il Modello da utilizzare per la dichiarazione annuale dei rifiuti prodotti e smaltiti (MUD) 2015 (dati anno 2014). La dichiarazione va presentata esclusivamente per via telematica. Il modello è ancora in vigore.
Apri


DL 244 del 30/12/2016 ”Decreto Milleproroghe”

Il Decreto-Legge proroga fino al 31/12/2017 il regime binario SISTRI, ossia il periodo in cui i soggetti tenuti all'operatività SISTRI rimangono obbligati anche a tenere parallelamente il registro di carico e scarico.
Apri


Decreto Ministeriale n. 264 del 13 ottobre 2016

In vigore dal 16 febbraio 2017, il DM che disciplina identificazione, tracciatura e utilizzo del sottoprodotto, così come definito all'art. 184-bis del D.Lgs. 152/06.
Apri


D.LGS. 152/06 coordinato con modifiche fino al 08/09/2017 (SOLO PARTE IV – RIFIUTI E BONIFICHE)

Parte IV del Testo Unico Ambientale. Versione coordinata, in vigore a settembre 2017. Include le norme su gestione rifiuti e bonifica di siti inquinati.
Apri
Elenco CER


D.LGS. 152/06 coordinato con modifiche fino al 08/09/2017

Testo Unico Ambientale. Versione in vigore a settembre 2017.

Apri


D.Lgs. 188/2008 - Versione vigente coordinata fino al 2016

Definizioni e obblighi relativi a tutti i soggetti che immettono sul mercato nazionale PILE e ACCUMULATORI, sia portatili, sia industriali o per veicoli. Tra gli obblighi principali, l'iscrizione al Registro e la presentazione della Comunicazione annuale.
Apri


D.L. 91/2014 convertito con modificazioni dalla Legge 116/2014

Il Decreto detta nuove norme per la classificazione dei rifiuti speciali da parte del Produttore. In base alle nuove regole, stabilite a livello europeo, molti rifiuti ad oggi classificati com NON pericolosi potrebbero passare alla classificazione di PERICOLOSI, con maggiori oneri per Produttore, Trasportatore e Impianto.
Apri


RAEE: D.Lgs. 49/2014 - Modifiche Obblighi Distributori

Con il D.Lgs. 49/2014, da una parte si semplificano gli obblighi dei distributori di AEE in merito al raggruppamento delle apparecchiature usate ritirate col sistema "1 contro 1", prolungando fino a 3 mesi la durata massima del raggruppamento; dall'altr, si istituisce l'obbligo del ritiro "1 contro 0" per le apparecchiature di piccolissime dimensioni. Tale obbligo è, ad oggi, in attesa di Decreto attuativo.
Apri


DM 02/05/06

Decreto Ministeriale del 2/5/2006: Approvazione dei modelli di registro di carico e scarico dei rifiuti.
Nuovi modelli registro
Allegato registro rifiuti


D.LGS. N. 195 DEL 27/01/92

Decreto legislativo 27 gennaio 1992 Numero 95: Attuazione delle direttive 75/439/CEE e 87/101/CEE, relative alla eliminazioni degli oli usati.
Apri


DM n° 392 del 16/05/1996

Regolamento recante norme tecniche relative alla eliminazione degli olii usati.
Apri


D.LGS. Governo n° 151 del 25/07/2005

Attuazione delle direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell'uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, nonche' allo smaltimento dei rifiuti.
Apri


DECRETO 8 marzo 2010 , n. 65 GU N. 102 del 4 Maggio 2010

Regolamento recante modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei distributori e degli installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), nonché dei gestori dei centri di assistenza tecnica di tali apparecchiature. (10G0087)
Apri


DECRETO 17 dicembre 2009

Istituzione del SISTRI
Apri


LEGGE 24 febbraio 2012, n.14

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Differimento di termini relativi all’esercizio di deleghe legislative.
Apri


DM 15 febbraio 2010

Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell'articolo 189 del decreto legislativo n. 152 del 2006 e dell'articolo 14-bis del decreto-legge n. 78 del 2009 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 102 del 2009». (10A02496) (GU n. 48 del 27-2-2010 )
Apri


DM 28 settembre 2010 GU N. 230 del 1 Ottobre 2010

Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante l'istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. (10A11755)
Apri


NOTA ESPLICATIVA IV DECRETO SISTRI

Nota esplicativa al Il quarto decreto SISTRI, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 1° ottobre 2010.
Apri


Regolamento Albo Nazionale Gestori Ambientali - DM 120/2014

Il Decreto, emanato dal Ministero Ambiente il 3 giugno 2014, costituisce il Regolamento Nazionale vigente dell'Albo Nazionale Gestori Ambientali, a cui sono iscritte tutte le Imprese che raccolgono, trasportano o intermediano rifiuti (propri o di terzi), nonché quelle che svolgono servizi di bonifica di siti.
Apri


DM 10 novembre 2011, n. 219

Regolamento recante modifiche e integrazioni al decreto ministeriale del 18 febbraio 2011, n. 52, concernente il regolamento di istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). (11G0258)
Apri


DM 25 maggio 2012 , n. 141 GU N. 196 del 23 Agosto 2012

Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, avente ad oggetto «Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell'articolo 189, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche e integrazioni, e dell'articolo 14-bis del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102». (12G0162)
Apri


DM del 20 marzo 2013 - GU n.92 del 19-4-2013

Termini di riavvio progressivo del Sistri.
Apri


D.LGS. 15 novembre 1993, n.507

Revisione ed armonizzazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle province nonché della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell’art. 4 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, concernente il riordino della finanza territoriale.
Apri


Decreto del Presidente della Repubblica n° 158 del 27/04/1999

Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani.
Apri


DECRETO-LEGGE 6 dicembre 2011 , n. 201

Estratto da D.L.201/2011 per TARES Articolo 14. – (Istituzione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi).
Apri


Decreto-Legge 102 del 31/08/2013

Decreto-Legge n. 102 del 31/08/2013: Disposizioni urgenti in materia di IMU, di altra fiscalità immobiliare...
Apri


Legge 124 del 28 ottobre 2013

Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 102 del 31/08/2013
Apri


Decisione UE 18 Dicembre 2014, n° 955

DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2014, che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all'elenco dei rifiuti ai sensi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio.
Apri


Decreto del Presidente della Repubblica n° 43 del 2012

Il 20 aprile 2012 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 2012, n. 43, recante attuazione del Regolamento (CE) n. 842/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 maggio 2006 su taluni gas fluorurati ad effetto serra (G.U. n. 93 del 20 aprile 2012).
Apri


Sicurezza e igiene del lavoro

INAIL: Bando ISI 2016 - Finanziamento di progetti anni 2017-2018

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 dicembre 2016, il Bando ISI INAIL 2016 riguarda il finanziamento di:
1) Progetti di investimento per il miglioramento delle condizioni di sicurezza;
2) Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
3) Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
4) Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (ristorazione, bar, commercio alimentare).
Apri il BANDO
Allegato 1 (progetti investimento)
Allegato 2 (modelli organizzativi)
Allegato 3 (rimozione amianto)
Allegato 4 (micro e piccole imprese settori specifici)


Accordo Conferenza Stato-Regioni del 7 luglio 2016

Modifica della disciplina dei percorsi formativi di Responsabili e Addetti Servizio Prevenzione e Protezione.
Disciplina degli aggiornamenti formativi previsti per RSPP, ASPP, Lavoratori, Dirigenti, Preposti, RLS.

Tabella sintetica Crediti Formativi
Accordo Stato Regioni


D.LGS. 9 aprile 2008, n. 81

Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Apri


Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.
Apri


Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012

Recepimento delle procedure standardizzate di effettuazione della valutazione dei rischi di cui all'articolo 29, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Procedure standardizzate per DVR


Accordo 22 febbraio 2012

Individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori
Accordo Stato-Regioni ATTREZZATURE


Accordo 21 dicembre 2011

Modalità e contenuti per la formazione di Lavoratori, Preposti e Dirigenti.
Accordo Stato-Regioni Formazione lavoratori


Decreto del Presidente della Repubblica n. 151 del 1/8/2011

Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi. Sostituisce il DM 16/02/1982, riformulando le procedure per le aziende soggette a Controlli di Prevenzione Incendi.
Apri


Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998: Criteri generali per la valutazione del rischio incendio e la gestione dell'emergenza

Norma di fondamentale importanza, che detta le regole pratiche per la valutazione del rischio d'incendio nei luoghi di lavoro, nonché per la gestione delle emergenze. Ad oggi è ancora un riferimento valido riguardante le caratteristiche delle attrezzature antincendio e i contenuti dei corsi di formazione per gli addetti ell'emergenza incendio.
DM 10/03/98 Gestione emergenza


Decreto Interministeriale n. 388 del 15 luglio 2003

Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del DLGS 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.
Apri