Diagnosi Energetica e aziende energivore

Con la presente Vi comunichiamo che il D. Lgs. 102/2014 impone ad alcune aziende di trasmettere ad ENEA, entro il 5 dicembre 2015, la propria Diagnosi Energetica, successivamente ogni 4 anni. La mancata comunicazione è sanzionabile, da 4 a 40 mila euro.

 

I soggetti obbligati sono

1.     Aziende con più di 250 addetti  ovvero fatturato annuo superiore a 50 milioni di euro e bilancio annuo superiore a 43 milioni di euro.

2.   Aziende a forte consumo di energia, dette “ Energivore” ossia che hanno un consumo energetico di 2,4 Giga Watt nell'anno e costi energetici che rappresentino almeno il 3 % del fatturato. Queste imprese sono iscritte nell’elenco annuale della Cassa Conguaglio Elettrico.

 

Se l’Azienda è certificata ISO 50001, può utilizzare l’audit se effettuato dopo il 2011. Se l’Azienda è certificata Emas o ISO 14001 deve fare l’Audit conforme alla normativa UNI CEI EN 16247.

 

I soggetti che effettuano gli Audit devono essere soggetti indipendenti dall’Azienda e dovranno essere Certificati dal 19/07/2016.

 

L’audit non è solo un obbligo: è anche un utile strumento per monitorare il proprio consumo energetico, per cercare sprechi o inefficienze in linee o reparti, per focalizzare i propri sforzi nel miglioramento dove serve, avvalendosi della tecnologia oggi disponibile.  Dall’Audit si ottengo dati importanti, dati economici, per la gestione dell’Azienda, del reparto, della manutenzione.

Abbiamo testimonianze di Aziende che hanno potuto valorizzare meglio il proprio prodotto rispetto alla concorrenza, riducendo gli sprechi e energetici che gravavano sul costo di produzione ! Si calcola circa il 3% annuo di riduzione dei costi negli anni successivi all’Audit. In Germania le 4mila aziende che hanno fatto Audit nel  2014 sono diventate 8mila nel 1° semestre 2015.

 

Startrash srl è a Vostra disposizione per un preventivo gratuito di Audit energetico

 

Certi di averVi reso un utile servizio, Vi inviamo i più cordiali saluti. Startrash srl