ASSUNZIONE OBBLIGATORIA DISABILI - Scattato l’obbligo dal 1° gennaio 2018

Desideriamo ricordarvi che, dal 1° gennaio 2018, per le Imprese che occupano da 15 a 35 dipendenti, è scattato il collocamento obbligatorio - entro 60 giorni - di un Lavoratore disabile appartenente alle categorie protette definite dalla Legge 68/99, art. 1 comma 1.

L’art. 3 comma 1 della suddetta Legge 68/99 prevedeva già, per tutte le Aziende pubbliche e private con almeno 15 dipendenti, l’obbligo di assunzione di un numero di Lavoratori disabili proporzionale al numero totale di Lavoratori. Tuttavia, l’art. 3 comma 2 aveva stabilito una deroga parziale per le Aziende con un numero di dipendenti compreso fra 15 e 35: per tali Azienda, infatti, l’obbligo scattava solo in caso di nuove assunzioni.

Il D.Lgs. 151/2015, all’art. 3 comma 1, ha abrogato questa deroga, stabilendo quindi l’obbligo di assunzione di un disabile per qualsiasi impresa occupi almeno 15 dipendenti. La decorrenza prevista era il 1° gennaio 2017, ma è stata poi prorogata al 1° gennaio 2018 dal cosiddetto Decreto Milleproroghe.

In sintesi, quindi, il collocamento mirato riguarda:
- Le Imprese che occupano più di 50 dipendenti devono avere alle proprie dipendenze il 7% di Lavoratori disabili appartenenti alle categorie protette (norma non variata, l’obbligo era già in vigore)
- Le Imprese che occupano da 36 a 50 dipendenti devono avere alle proprie dipendenze almeno DUE Lavoratori disabili appartenenti a categorie protette (norma non variata, l’obbligo era già in vigore)
- Le Imprese che occupano da 15 a 35 dipendenti devono avere alle proprie dipendenze almeno UN Lavoratore disabile appartenente a categoria protetta indipendentemente dal fatto di aver programmato nuove assunzioni o meno. L’obbligo di assunzione per queste ultime Imprese decorre dal 1° marzo 2018. Per chi non ottempera è prevista una sanzione amministrativa pari a Euro 153,20 per ogni giornata lavorativa in cui l’obbligo non viene assolto e per ogni disabile non assunto. Tale sanzione può ridursi a 38,30 euro al giorno se il Datore di Lavoro assume il lavoratore disabile, ottemperando alla diffida, o presenta la relativa richiesta agli uffici competenti.

Riteniamo utile segnalare che, nel conteggio del numero di Lavoratori da cui scaturisce il numero di disabili da assumere, vanno conteggiati tutti i lavoratori assunti con contratto di lavoro subordinato, mentre non vanno contati:

- lavoratori occupati con contratto a tempo determinato di durata fino a sei mesi;
- lavoratori stagionali;
- soci di cooperative di produzione e lavoro;
- dirigenti;
- lavoratori assunti con contratto di inserimento o somministrazione presso l'utilizzatore (interinali);
- lavoratori assunti per attività da svolgersi all'estero;
- soggetti impegnati in lavori socialmente utili;
- lavoratori a domicilio;
- apprendisti e apprendistato con contratto formazione-lavoro e di reinserimento;
- lavoratori assunti in sostituzione di altri dipendenti assenti aventi diritto alla conservazione del posto di lavoro (es. sostituzioni per maternità);
- lavoratori in telelavoro;
- lavoratori a intermittenza;
- lavoratori aderenti al programma di emersione.

Segnaliamo, infine, che il D.Lgs. 276/2003, all’art. 14, prevede la possibilità di ottemperare all’obbligo di assunzione sopra definito affidando una commessa a una Cooperativa Sociale di tipo B, che si farà carico direttamente dell’assunzione del disabile.

Startrash srl è aVostra disposizione per aiutarvi a valutare e mettere in atto tutti gliadempimenti a carico del Datore di Lavoro, minimizzando impegno e costi.

Per saperne di più:
Vai alla pagina Contatti, oppure
   Per preventivi e offerte: Ufficio Commerciale